Comunicati stampa

Fondi Fse e Fesr, la Commissione Europea elogia il Trentino

Il confronto sulla programmazione dei Programmi Operativi Fse e Fesr per il periodo 2014-2020 e l’avvio dell’iter per approvare quella per il periodo 2021-2027 è stato al centro della riunione operativa di ieri mattina del Comitato di sorveglianza dei Programmi Operativi Fse e Fesr, organizzata dal Servizio Pianificazione strategica e programmazione europea. Per la Provincia autonoma era presente l’assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro, Achille Spinelli, la dirigente dottoressa Nicoletta Clauser del Servizio Pianificazione strategica e programmazione europea, oltre a Francesco Pancheri, dirigente Umse Attuazione fondi europei. Per conto della Commissione europea sono intervenuti per la Direzione generale Politica regionale e urbana in presenza Wolfgang Munch (viceresponsabile), e Gordon Buhagiar, e in collegamento in videoconferenza Adelina Dos Reis della Direzione generale Occupazione, Affari sociali e Pari Opportunità, la dottoressa Marianna D'Angelo dell'Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro, responsabile dell'Fse a livello nazionale e la dottoressa Alessandra Augusto dell' Agenzia per la Coesione Territoriale che segue a livello centrale il Programma Fesr.

ATTUALITÀ E CRONACA

Programmi dei fondi europei Fesr e Fse+, approvate le linee strategiche

La Giunta provinciale, sulla base di una delibera presentata dall'assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro, ha approvato le linee strategiche per l’elaborazione dei Programmi provinciali del Fondo Europeo di Sviluppo regionale (FESR) e del Fondo Sociale Europeo Plus (FSE+) 2021-2027, predisposte dal Servizio Pianificazione strategica e programmazione europea di concerto con i dipartimenti provinciali competenti per materia ed il partenariato, attraverso incontri finalizzati al coinvolgimento degli enti e soggetti istituzionali, delle parti economiche e sociali e dei rappresentanti della società civile.






ATTUALITÀ E CRONACA

Fondi europei FSE e FESR: 51 milioni destinati al contrasto della crisi Covid

I fondi strutturali europei FSE e FESR sono diventati, in particolare con l'ultima programmazione 2014-2020, non più mere risorse aggiuntive al bilancio provinciale ma sostegni essenziali per la realizzazione delle diverse politiche poste in essere dal Trentino. Il totale delle risorse stanziate con i due programmi è pari a circa 220 milioni di euro, in sette anni: in gran parte si tratta di risorse provenienti appunto da Bruxelles, ma anche da Roma, a cui si aggiunge una quota provinciale distribuita sui vari assi e sulle azioni via via programmate dal parternariato, ovvero dai diversi soggetti coinvolti.
Nei giorni scorsi si è riunito, per la prima volta in videoconferenza, il Comitato congiunto di sorveglianza, introdotto dall’assessore allo sviluppo economico Achille Spinelli e presieduto da Nicoletta Clauser, responsabile del Servizio Pianificazione strategica e programmazione europea della Provincia, nella sua veste di Autorità di gestione. Il Comitato vede la partecipazione di rappresentanti della Commissione europea, dei Ministeri competenti e delle parti economico-sociali e rappresentati del Consorzio dei Comuni e delle strutture provinciali interessate. Obiettivo della riunione, fare il punto sullo stato di avanzamento dei programmi operativi nel 2019 e 2020.
ATTUALITÀ E CRONACA

Un nuovo intervento straordinario a sostegno dei lavoratori trentini

Un sostegno aggiuntivo a quello erogato dallo Stato a favore di chi ha subito una sospensione dal lavoro per il blocco temporaneo delle attività conseguente l’emergenza epidemiologica Covid-19: il provvedimento è stato approvato oggi dalla Giunta provinciale, attraverso l'Avviso per la concessione di un'integrazione alla cassa integrazione, autorizzando a tale scopo una spesa di 6,8 milioni di euro, a cofinanziamento europeo, per l’anno 2020.
A fronte della crisi economica generata dal blocco delle attività per effetto della pandemia, la legge provinciale prevede che, a integrazione delle misure statali, la Provincia valorizzi, per i lavoratori, gli strumenti attuativi della delega in materia di ammortizzatori sociali, nonché gli strumenti di politica attiva previsti nel Documento degli interventi di politica del lavoro della XVI legislatura.
Con la deliberazione di oggi, in particolare, sono stati approvati i criteri di concessione del sostegno, uno degli interventi straordinari volti a fronteggiare le gravi conseguenze sociali ed economiche causate dal Covid, che puntano soprattutto a contrastare gli effetti negativi sui livelli occupazionali e quindi sui redditi delle famiglie.
La misura, che tende anche a preservare il tessuto produttivo del territorio, sarà riconosciuta dall'Agenzia del Lavoro, attraverso un sostegno al reddito aggiuntivo a quello assegnato dallo Stato a favore dei lavoratori sospesi per una soglia minima di 300 ore semestrali nel corso di quest'anno. I lavoratori devono svolgere la propria attività presso sedi legali o operative localizzate in provincia di Trento per tutto il periodo per cui l’integrazione salariale è riconosciuta.
Riguardo al finanziamento, in base alle opportunità attivate per far fronte alle problematiche dovute al Covid nei primi mesi dell'anno dall'Unione europea sui fondi strutturali e al protocollo d'intesa siglato il mese scorso tra il presidente della Provincia autonoma di Trento e il Ministro alla coesione territoriale, sarà possibile certificare interamente le somme sul bilancio della Commissione Europea.
ATTUALITÀ E CRONACA

Fondi europei FESR e FSE: avviata la riprogrammazione anti Covid-19

Novità sul fronte dei fondi europei, per contrastare l'emergenza generata dalla pandemia. Dopo che la Giunta provinciale ha approvato l'intesa con il Governo per una riprogrammazione anti Covid-19 di complessivi 51 milioni di euro dei Programmi Operativi FESR e FSE, il Presidente Maurizio Fugatti e il Ministro alla coesione territoriale Giuseppe Provenzano hanno sottoscritto un apposito protocollo d'intesa che ne da ora concreta attuazione. La riprogrammazione prevede interventi nei settori della sanità, della scuola, del lavoro e del sostegno all'economia; L'accordo prevede che al fine di garantire la copertura di progetti non più finanziati dai Fondi europei, sia assegnato dallo Stato alla Provincia autonoma di Trento, attraverso il Fondo di Sviluppo e Coesione (FSC) 2014-2020, un ammontare complessivo della stessa entità, 51 milioni di euro, al fine di consentire comunque l'effettuazione di tutti gli interventi FESR e FSE originariamente programmati. L'accordo prevede altresì ulteriori benefici per la Provincia derivanti anche dall'assegnazione di nuove risorse FSC 2021-2027 per 22 milioni di euro oltre alla conferma delle risorse statali (17,85 milioni di euro) per gli interventi che la Commissione europea ha proposto ora di coprire interamente anziché al 50%
ATTUALITÀ E CRONACA

Kirana laser: un raggio di luce per contrastare il Covid-19

L’emergenza sanitaria degli ultimi mesi ha aumentato la richiesta di prodotti e tecnologie per l’ossigenazione artificiale dei pazienti e alzato i livelli di sicurezza delle produzioni farmaceutiche, al fine di azzerare il rischio contaminazioni. Due fronti sui quali Kirana, azienda insediata in Polo Meccatronica a Rovereto, l’incubatore hi-tech di Trentino Sviluppo, specializzata in microlavorazioni laser di elevatissima precisione, ha saputo muoversi con agilità, aumentando la produzione di lamelle forate da applicare ai sistemi di ossigenazione ospedaliera. E nuovi macchinari permetteranno di soddisfare le richieste di validazione e certificazione di sicurezza di fiale e flaconi farmaceutici, utilizzati anche per i vaccini.
ATTUALITÀ E CRONACA - SCIENZA

Innovazione industriale: incontro a Trento fra le regioni aderenti a Vanguard Initiative

Si è svolto ieri a Trento l’incontro tra i rappresentanti delle regioni italiane aderenti a Vanguard Initiative, la rete delle regioni europee che rappresentano e promuovono l'eccellenza nella manifattura avanzata e nell'innovazione industriale a cui partecipa anche il Trentino attraverso la Prom Facility meccatronica di Trentino Sviluppo. All'incontro, promosso dal Servizio Europa della Provincia, in collaborazione con HIT, hanno partecipato i rappresentanti di Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Alto Adige, Friuli Venezia Giulia e dell’Agenzia per la Coesione Territoriale.
ATTUALITÀ E CRONACA - SCIENZA

Premiato a SMAU 2019 il modello scuola - lavoro di Fbk

Il progetto ‘SenSAT’ si è posto come obiettivo la realizzazione di una soluzione per la sicurezza dei rifugi alpini, attraverso la realizzazione di sensori e di un sistema integrato di controllo, coinvolgendo le scuole in una filiera tipica dell’innovazione, simulando le attività che normalmente vengono svolte all’interno delle aziende. Di questo si è parlato al tavolo di lavoro ‘Progetto Scuola’, organizzato da Smau in collaborazione con la Provincia autonoma di Trento e la Fondazione Bruno Kessler. Un’occasione in cui si è discusso della possibilità di ‘esportare’ questo e altri progetti sviluppati dalla FBK anche fuori dal territorio provinciale. Al termine del tavolo, presenziato da importanti aziende partecipanti a Smau, amministrazioni regionali, dirigenti della Provincia autonoma di Trento, ricercatori FBK e dall’assessore all’istruzione, università e cultura della PAT Mirko Bisesti, è stato consegnato il ‘Premio Innovazione’ che riconosce nel progetto SenSAT un modello d’innovazione che può interessare le amministrazioni e i partner industriali dell’intero Paese. “È un onore oggi essere a Milano a ritirare questo premio che ha visto collaborare 7 istituti scolastici trentini assieme a un centro di eccellenza del nostro territorio come FBK – spiega l’assessore Mirko Bisesti – che si è messo a disposizione in un progetto di alternanza scuola lavoro che ha coinvolto i giovani in un percorso di innovazione. Crediamo che questa attività meriti grande attenzione e la gratificazione di Smau lo dimostra”.
NATURA E AMBIENTE - SCIENZA - SCUOLA

Robosense: nascono a Pergine le tecnologie che danno “occhi” ai magazzini intelligenti

Nata come startup alla fine del 2012, l’azienda cresciuta grazie al supporto di Trentino Sviluppo e ad una costante collaborazione con i laboratori di ricerca dell’Università di Trento, è impegnata a “dare occhi” intelligenti ai sistemi informatici di automazione. Robosense fornisce tecnologie che permettono di leggere con sicurezza e precisione imballaggi e merci, favorendo l’automazione dei grandi magazzini di logistica. Vision computing che trova applicazione anche nel settore della mobilità autonoma dei disabili e nelle sezioni di “controllo radiogeno” degli aeroporti di Roma, Milano e Napoli per automatizzare e rendere più veloci le operazioni di controllo ai check-in. Robonsense è una startup innovativa supportata con il bando Seed Money-FESR. A breve assumerà altri due ingegneri meccatronici.
ATTUALITÀ E CRONACA - SCIENZA

Fondi europei FSE e FESR: nel 2018 raggiunti gli obiettivi di spesa e di performances

I fondi strutturali europei FSE e FESR sono diventati, in particolare con l'ultima programmazione 2014-2020, non più mere risorse aggiuntive al bilancio provinciale ma sostegni essenziali per la realizzazione delle diverse politiche poste in essere dal Trentino. Il totale delle risorse stanziate con i due programmi è pari a circa 220 milioni di euro, in sei anni: in gran parte si tratta di risorse provenienti appunto da Bruxelles, ma anche da Roma, a cui si aggiunge una quota provinciale distribuita sui vari assi e sulle azioni via via programmate dal parternariato, ovvero dai diversi soggetti coinvolti.
E ieri in Provincia si è riunito, per la quarta volta dall'avvio del Programma, il Comitato congiunto di sorveglianza, presieduto da Michele Michelini, responsabile del Servizio Europa della Provincia, subentrato a Fabio Scalet dopo il recente passaggio di questo settore dell'amministrazione sotto la Direzione generale della Provincia. Obiettivo della riunione, a cui hanno partecipato rappresentanti della Commissione europea, dei Ministeri competenti e delle parti economico-sociali, fare il punto sullo stato di avanzamento dei programmi operativi nel 2018. Il Trentino ha raggiunto lo scorso anno - e in parte per la verità anche superato - sia gli obiettivi di spesa sia quelli relativi alle performances. E' stata quindi fra l'altro nuovamente smentita una notizia diffusa qualche giorno fa secondo la quale il Trentino avrebbe "perso" lo scorso anno alcuni fondi europei. Ma quella di ieri è stata anche l'occasione per iniziare a discutere di futuro, ovvero della programmazione 2021-2027, nella quale è prevista una crescita di risorse per l'Italia, e quindi anche per il Trentino. Quelle Fse ammonteranno per l'Italia a circa 15 miliardi di euro, mentre quelle Fesr a circa 28 miliardi.
ATTUALITÀ E CRONACA - AUTONOMIA E MINORANZE

Avvio e consolidamento di nuove imprese: finanziati 91 progetti per 4 milioni di euro

Sono 91 le proposte progettuali, per un contributo complessivo di 4 milioni di euro, finanziate a seguito dell’approvazione della graduatoria dell’avviso FESR n. 1/2018 “Nuova imprenditorialità”. La Giunta provinciale, su proposta del Assessore allo Sviluppo economico, ricerca e lavoro Achille Spinelli, ha preso atto oggi della graduatoria stilata dalla commissione di valutazione.
ATTUALITÀ E CRONACA - SCIENZA

Efficientamento energetico di tre edifici pubblici: si cerca un professionista

Il Servizio Europa cerca un professionista che elabori una metodologia di calcolo per l'efficientamento energetico di tre edifici pubblici, l'obiettivo è individuare i costi necessari a raggiungere livelli di eccellenza per questi immobili, costi che poi saranno sostenuti tramite il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale.
Le offerte vanno presentate entro le ore 12 del 17 ottobre 2018.
ATTUALITÀ E CRONACA - NATURA E AMBIENTE - URBANISTICA

Domani la presentazione del 4° bando del Programma Spazio Alpino della Ue

Il giorno 18 settembre 2018 è stato pubblicato il quarto bando del Programma Spazio Alpino. Per la presentazione del bando e delle sue priorità tematiche è stato organizzato un Infoday il 4 ottobre 2018 alle ore 14.00 presso la sala Rosa nel Palazzo della Regione, in Piazza Dante 16. L’Infoday è organizzato in collaborazione con la Regione Lombardia e l'Agenzia per la Coesione territoriale europea, entrambe in qualità di Co-Presidenti del Comitato nazionale del Programma Spazio Alpino e la Provincia autonoma di Trento membro del medesimo Comitato.

ATTUALITÀ E CRONACA - NATURA E AMBIENTE

L’Europa aiuta 24.124 volte i trentini

Nel 2017 l’Europa ha continuato ad aiutare le famiglie trentine supportando i servizi educativi e culturali, promuovendo istruzione e mobilità internazionale. Il 2017 è stato l’anno di nascita per la ProM facility di Rovereto, avanguardia meccatronica europea, e sono stati pubblicati 6 avvisi per il sostegno alla competitività delle imprese. Se ne è parlato alla consueta riunione annuale del Comitato di sorveglianza dei Programmi operativi Fse (Fondo sociale europeo) e Fesr (Fondo europeo di sviluppo regionale). Lo scorso anno si è chiuso il quarto dei sette anni di programmazione: finora sono stati impegnati 47,8 milioni di Euro per il Fse (43,53% di quanto previsto per il periodo 2014-2020) e 29,2 milioni di Euro per il Fesr (26,89% delle risorse settennali). Oltre 24mila i trentini che ne hanno beneficiato.
ATTUALITÀ E CRONACA

Sostegno alle imprese: approvato il bilancio 2018/2020 di APIAE

Sviluppare la ricerca industriale, sgravare il carico fiscale delle imprese, sostenerne la competitività, l’innovazione e l’apertura ai mercati internazionali. Questi gli obiettivi perseguiti dall'Agenzia provinciale per l'incentivazione delle attività economiche. La Giunta, oggi, su proposta dell’assessore alle attività economiche, ne ha approvato il bilancio 2018-2020, al fine di mettere a disposizione le risorse che serviranno a favorire la crescita delle imprese trentine attraverso i molteplici e variegati strumenti che la Provincia mette a disposizione del tessuto economico. Il totale delle risorse destinate alle azioni gestite da Agenzia è pari a 110 milioni comprensivo anche degli impegni già assunti in passato per la concessione di contributi in rate scadenti nel 2018.
ATTUALITÀ E CRONACA

Ci facciamo in 4 per sostenere le imprese: c'è ancora tempo per aderire ai 4 bandi per le PMI

E’ una delle grandi innovazioni strategiche di questa legislatura: utilizzare una parte consistente dei Fondi europei per sostenere le imprese, soprattutto piccole e medie. Parliamo di circa 18 milioni di euro, a disposizione delle PMI del Trentino per raggiungere obiettivi di qualità, puntando su export, finanza d’impresa, ambiente e servizi innovativi. Tutto questo attraverso 4 appositi bandi - co-finanziati nell’ambito del Programma Operativo FESR 2014-2020 della Provincia autonoma di Trento - pensati per le diverse tipologie di impresa, di spesa e di investimento che si vogliono sostenere ed aiutare a crescere. "Abbiamo deciso di mettere l'impresa, gli investimenti, la formazione, l'innovazione, il risparmio energetico al centro - sottolinea il vicepresidente Alessandro Olivi - di una politica di spinta della crescita della nostra piattaforma economica locale. Questi quattro bandi sono dedicati alle piccole e medie imprese che vogliono innovarsi".
In particolare il bando per il sostegno alla creazione di iniziative imprenditoriali mediante seed money scade alle ore 12.00 del 31 ottobre 2017 (www.seedmoney.info). Per aderire ai tre bandi di Apiae per "investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili", "Acquisto di servizi per consulenza per l'innovazione aziendale" e "Promozione dell'efficienza energetica e l'uso di energia rinnovabile" c'è tempo fino al 15 ottobre 2017 (www.apiae.provincia.tn.it/bandi).
ATTUALITÀ E CRONACA

Comitato di sorveglianza dei Programmi operativi FSE e FESR 2014 – 2020

Si è tenuta oggi a Trento presso la sala Belli, la riunione del Comitato di sorveglianza dei Programmi operativi FSE e FESR 2014 – 2020. Accanto ai responsabili delle Strutture provinciali attuatrici dei Programmi e alle parti economico - sociali, vi erano anche i rappresentanti dei Ministeri competenti, nonché, per la Commissione europea, Maurizio Corradetti della Direzione generale Occupazione, Affari sociali e Pari opportunità e Andrea Murgia della Direzione Politica regionale e urbana. Il Comitato è coordinato da Fabio Scalet, dirigente generale del Dipartimento Affari istituzionali e legislativi e da Michele Michelini, dirigente del Servizio Europa, Autorità di gestione dei due programmi.
Tra i punti principali di discussione vi è stato l’esame e l’approvazione delle relazioni di attuazione 2016 relative ai Programmi operativi FSE e FESR 2014 – 2020, nonché del Rapporto di esecuzione 2016 relativo al Fondo per lo sviluppo e la coesione 2007-2013 oltre che la presentazione e condivisione delle linee generali per avviare la procedura di modifica dei due Programmi operativi.
ATTUALITÀ E CRONACA

Fondi comunitari, un’opportunità concreta di sviluppo del Trentino

Oltre 5570 interventi e 110 mila tra persone e imprese coinvolte, con investimenti sul territorio trentino per 270 milioni di euro: sono questi, in sintesi, i dati dei Programmi operativi del Fondo sociale europeo (Fse) e del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) nel periodo 2007 – 2013. Si tratta di un bilancio positivo - confermato oggi dall’approvazione dei rapporti finali da parte del Comitato di sorveglianza – a dimostrazione della valenza economica e sociale delle risorse comunitarie, integrate con fondi statali e provinciali. In sette anni, i fondi comunitari sono stati utilizzati in Trentino per far fronte, nel caso delle risorse Fse, al periodo di crisi economica, attraverso la riqualificazione di lavoratori, per promuovere la conciliazione lavoro-famiglia (buoni di servizio), interventi per la transnazionalità e l’interregionalità, e a favore del mondo della scuola (passaggio scuola lavoro e aiuto a giovani con bisogni educativi speciali). I fondi Fesr sono invece stati investiti in campo energetico per la ristrutturazione e l’efficientamento di edifici pubblici ed imprese, per sostenere la filiera dell’Ict, la nascita di nuove imprese e lo sviluppo sostenibile locale con progetti dedicati a Comuni e Parchi naturali. Attualmente è in corso la nuova programmazione 2014 – 2020 dei fondi Fesr e Fse con una dotazione finanziaria complessiva di circa 220 milioni di euro.
ATTUALITÀ E CRONACA

Programmi operativi del Fondo sociale europeo e del Fondo europeo di sviluppo regionale: approvati i sistemi di gestione e controllo

Oggi, con l’approvazione da parte della Giunta provinciale – su proposta del vice presidente Alessandro Olivi - delle descrizioni dei Sistemi di gestione e controllo dei Programmi operativi del Fondo sociale europeo (FSE) e del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) 2014-2020 della Provincia autonoma di Trento, si è concluso il processo di definizione del sistema di “governance” dei due Programmi cofinanziati dai fondi strutturali. Si tratta infatti dell’ultimo tassello di una serie di passaggi formali previsti dai regolamenti europei, necessari per dare piena operatività all’attuazione di tali Programmi e per consentire alla Provincia di ricevere le risorse finanziarie europee e statali previste.
ATTUALITÀ E CRONACA

Lo stato di avanzamento dei Programmi FSE e FESR in Trentino

Si è riunito oggi a Trento il Comitato di sorveglianza dei Programmi Operativi FSE e FESR 2014 - 2020 della Provincia autonoma di Trento. Tra i punti principali di discussione l’esame e l’approvazione delle relazioni di attuazione 2015 relative ai Programmi operativi, nonché del Rapporto di esecuzione 2015 relativo al Fondo per lo sviluppo e la coesione 2007-2013. Per quanto riguarda il FSE si registra un importante avanzamento degli interventi previsti dal programma, che a fine 2015 aveva già raggiunto impegni di spesa pari a circa 20 milioni di euro, corrispondenti al 18,7% dell’ammontare complessivo delle risorse finanziarie previste per l’intera programmazione.
ATTUALITÀ E CRONACA