Giovedì, 19 Maggio 2016

Si è riunito oggi a Trento il Comitato di sorveglianza

Lo stato di avanzamento dei Programmi FSE e FESR in Trentino

Si è riunito oggi a Trento il Comitato di sorveglianza dei Programmi Operativi FSE e FESR 2014 - 2020 della Provincia autonoma di Trento. Tra i punti principali di discussione l’esame e l’approvazione delle relazioni di attuazione 2015 relative ai Programmi operativi, nonché del Rapporto di esecuzione 2015 relativo al Fondo per lo sviluppo e la coesione 2007-2013. Per quanto riguarda il FSE si registra un importante avanzamento degli interventi previsti dal programma, che a fine 2015 aveva già raggiunto impegni di spesa pari a circa 20 milioni di euro, corrispondenti al 18,7% dell’ammontare complessivo delle risorse finanziarie previste per l’intera programmazione.

Alla riunione del Comitato hanno partecipato, accanto ai responsabili delle Strutture provinciali attuatrici dei Programmi e alle parti economico-sociali, anche i rappresentanti dei Ministeri competenti, nonché per la Commissione europea Maurizio Corradetti della Direzione generale Occupazione, Affari sociali e Pari opportunità e Andrea Murgia della Direzione Politica regionale e urbana. Il Comitato è stato coordinato da Fabio Scalet, dirigente generale del Dipartimento Affari istituzionali e legislativi e da Michele Michelini, dirigente del Servizio Europa, Autorità di gestione dei due programmi.

Programma operativo FSE

Complessivamente sono state approvate oltre 70 operazioni distribuite tra i vari Assi del PO che fanno riferimento principalmente all’Asse 1 e all’Asse 3 e in particolare:

Asse 1 - Occupazione:

  • autorizzazione all’indizione della gara per l’appalto del servizio di gestione e funzionamento della Struttura Multifunzionale Territoriale Ad Personam
  • finanziamento dei Buoni di servizio per favorire la conciliazione tra lavoro e famiglia per l’annualità 2015 coinvolgendo complessivamente 4.676 persone;

Asse 3 – Istruzione e formazione:

  • interventi formativi volti alla riduzione del fallimento formativo precoce e della dispersione scolastica e formativa;
  • diversi interventi per il rafforzamento delle competenze linguistiche di inglese e tedesco nell’ambito del Piano Trentino Trilingue della Provincia rivolti a insegnanti, studenti e bambini degli asili nido e delle scuole d’infanzia (nell’estate 2015 sono stati assegnati 617 voucher a studenti e 309 voucher a insegnanti per la frequenza all’esterno di percorsi di formazione linguistica)
  • quattro progetti affidati a IPRASE sulle rimozione delle difficoltà d'apprendimento, sul potenziamento delle aree disciplinari di base per gli studenti, sulla predisposizione di strumenti di apprendimento e di valutazione e sulle nuove pedagogie per rafforzare il capitale umano.

Complessivamente, sono state quindi coinvolte 5.602 persone, di cui il 94% è rappresentato da donne. Si tratta nell’89% dei casi di soggetti occupati (4.979 unità), a cui si aggiunge una quota pari all’11% di soggetti inattivi, tutti studenti (617 unità), mentre vi sono solo 6 soggetti disoccupati.

Per quanto riguarda la programmazione FSE 2007 – 2013 la Provincia ha già portato a certificazione la quasi totalità delle spese del Programma operativo e prevede di completare il processo entro quest’anno.

Programma operativo FESR 2015

Di seguito i principali dati attuativi.

Nell’Asse 1 - Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l'innovazione nel corso dell'anno 2015 l'Agenzia provinciale per le opere pubbliche (APOP), nell'ambito del progetto “Realizzazione del Polo della Meccatronica” ha adottato una serie di provvedimenti per un finanziamento complessivo di opere pari a 16.115.095,22 euro. Per altri interventi rientranti all'interno di questo Asse, ma da realizzare attraverso lo strumento dei bandi per la selezione dei progetti da agevolare, nel 2015 è iniziata l'attività di definizione dei criteri di valutazione delle proposte presentate sui futuri bandi rivolti alle imprese.

Nell'Asse 2 - Promuovere la competitività delle piccole e medie imprese nel 2015 è stata impostata l'attività finalizzata alla predisposizione del bando, che sarà pubblicato nel 2016, riguardante il "seed money" nel settore della meccatronica che prevede un sistema di matching fund pubblico-privato e l'utilizzo dello strumento del “seal of excellence” come auspicato dalla Commissione europea, a sostegno dell'integrazione dei fondi strutturali con i fondi diretti.

Nell'Asse 3 - Sostenere la transizione verso un economia a bassa emissione di carbonio nel corso del 2015 la Giunta provinciale ha previsto, sempre nell'ambito del progetto "Realizzazione del Polo della Meccatronica", la riqualificazione energetica dell'edificio denominato Corpo P da convertire in laboratori ad uso scolastico per una stima di spesa di complessivi 2.000.000 euro.

Da ultimo, il Rapporto annuale di esecuzione FSC per l'anno 2015 relativo al Programma Attuativo provinciale del Fondo di Sviluppo e Coesione (FSC) 2007-2013, illustra lo stato di avanzamento del “Progetto Manifattura”, che prevede il recupero e l’utilizzo di una parte del compendio ex Manifattura Tabacchi di Rovereto, attraverso la realizzazione e l’allestimento di spazi a destinazione “mista”: uffici, spazi produttivi e servizi comuni.

Il bando di gara europea per la ristrutturazione di un primo lotto di lavori per complessivi 26.000 mq e circa 43,6 milioni di euro è stato pubblicato nell'ottobre 2013; la valutazione delle offerte, presentate da 9 "cordate" di imprese, si è conclusa nel mese di maggio 2015. Ad oggi, tuttavia, a causa di più ricorsi presentati davanti al TAR non si è ancora addivenuti alla stipula del contratto di esecuzione dei lavori oggetto del bando. Nel frattempo, nell’estate 2014 sono stati appaltati i lavori di realizzazione del prescavo, delle opere provvisionali e di alcuni lavori stradali al fine di preparare l’area in cui sarà realizzato il primo lotto. Tali lavori si sono conclusi nel mese di aprile 2015. (c.z.)

FONTE Ufficio Stampa
Comunicato 985

ATTUALITÀ E CRONACA